Sebbene molte organizzazioni non profit abbiano una presenza sui social media, poche hanno una strategia attuabile per indirizzare e misurare i risultati dei loro sforzi. Vediamo come fare!

Alla luce di ciò, abbiamo redatto una guida dettagliata che ti aiuterà a mettere a punto un piano di social media efficace per la tua organizzazione no-profit, anche se hai poco tempo a disposizione. Parleremo di come definire obiettivi precisi, delle tattiche che promuoveranno l'interazione e degli strumenti di misurazione che possono essere utilizzati per monitorare le prestazioni delle campagne sui social media.

In che modo le organizzazioni non profit possono beneficiare di una strategia sui social media?

Avere una presenza sui social media può aiutare a promuovere la crescita e a migliorare il ritorno sugli investimenti del tuo programma. Nella sua essenza, i social media possono essere intesi come una forma di marketing per i gruppi no-profit. Possono essere utilizzati come complemento alle e-mail, agli eventi di raccolta fondi e ad altre forme di pubblicità. 

Le organizzazioni non profit hanno l'opportunità di aumentare la loro visibilità nella comunità, la quantità di denaro che raccolgono attraverso le raccolte fondi, il numero di potenziali volontari che attirano e persino il ritmo del cambiamento sociale se utilizzano con successo i social media. Ma come fanno le organizzazioni non profit a utilizzare le varie piattaforme di social media? Ecco i cinque motivi più importanti per cui le organizzazioni non profit utilizzano i social media:

  • Informare gli altri sulle ultime novità dell'organizzazione.
  • Promuovere la conoscenza del marchio.
  • Diffondere la voce su una particolare organizzazione no-profit.
  • Raccolta fondi
  • Recluta volontari

I social media sono molto popolari tra le aziende e le organizzazioni no-profit grazie alla loro ampia portata, ai costi accessibili e all'influenza facilmente misurabile. Sviluppare una strategia sostenibile sui social media per la tua organizzazione no-profit può aiutarti ad aumentare le donazioni e a coinvolgere la nuova generazione di persone interessate al volontariato. Questo vale indipendentemente dalle dimensioni della tua organizzazione.

L'importanza di sviluppare una strategia di social media per le organizzazioni non profit

È facile cadere nella trappola di pensare che possiamo farla franca senza avere un piano per i social media e limitarci a postare quando ci viene voglia, proprio come facciamo nella nostra vita privata. Non sorprende che molte organizzazioni non abbiano una strategia per i social media perché hanno risorse e dipendenti limitati. Non sei l'unico se questa situazione ti suona familiare! Il 67% delle organizzazioni non profit non ha una strategia scritta per i social media e delle ONG che utilizzano i social media, meno del 50% misura gli effetti dei propri sforzi. Tuttavia, le organizzazioni non profit stanno iniziando a vedere l'inevitabilità del ruolo dei social media a sostegno delle iniziative di volontariato.

Il 50% delle organizzazioni non profit ritiene che i social media siano preziosi, mentre un altro trentacinque per cento afferma che i social media hanno un certo valore. Inoltre, meno del 5% delle organizzazioni non profit intervistate ritiene che i social media non servano a nulla. Siamo consapevoli che sia le aziende che le organizzazioni no-profit possono trarre notevoli benefici dall'uso dei social media. Tuttavia, affinché le iniziative sui social media siano vantaggiose, è essenziale stabilire una strategia che delinei obiettivi, procedure e un metodo per valutare le prestazioni. Valutare l'influenza dei social media sul tuo programma può essere difficile se la tua organizzazione non profit non ha una strategia o un piano scritto per i social media.

Nella maggior parte dei casi, un piano di marketing per una no-profit sarà composto da più componenti, una delle quali includerà i social media. Metti da parte del tempo aggiuntivo per progettare una strategia di social media per la tua no-profit, anche se ha già una strategia di marketing. È importante. Nella sezione che segue ti spiegheremo tutto quello che c'è da sapere su come costruire una strategia di social media per un'organizzazione no-profit e su come misurare il successo di questo approccio.

Come creare una strategia di social media per le organizzazioni non profit

Di seguito ti spieghiamo come le organizzazioni non profit possono utilizzare i social media per portare avanti la loro missione, ottenere più volontari e raccogliere più fondi.

Define Your Goals

Probabilmente la tua no-profit ha una missione guida che tieni a mente quando pianifichi eventi, partnership aziendali e campagne. Tratta la tua corrispondenza come la tua dichiarazione di missione per un approccio pratico e mirato ai social media. Gli obiettivi della tua organizzazione devono guidare la sua dichiarazione di missione e i suoi post sui social media, non duplicare i risultati dei social media di Six non-profit:

  • Trafficare il sito web
  • Aumentare la partecipazione della comunità
  • Volontariato di più
  • Conservare i donatori
  • Brand-building
  • Pensare strategicamente

Conoscere i tuoi obiettivi sui social media ti permette di decidere cosa condividere. I tuoi obiettivi possono cambiare settimanalmente, di mese in mese o di anno in anno. Qualunque sia la tua strategia, tieni sempre a mente il tuo obiettivo quando pubblichi i post. Questo migliorerà l'efficacia del tuo materiale.

Brainstorming insieme

Tieni presente che il volto pubblico della tua azienda sarà rappresentato dai media. Pertanto, è consigliabile coinvolgere molte persone, tra cui i dipendenti e gli stakeholder, nella definizione degli obiettivi e nello sviluppo di un piano d'azione.

Sviluppare le metriche

Come per delineare l'obiettivo del tuo post, stabilisci dei parametri di riferimento per la campagna. Metriche:

  1. Aumento delle iscrizioni alla newsletter
  2. Attori
  3. Registrazione di volontari
  4. Aumento del traffico sul sito web Followers, likes o fans
  5. Linee guida per la misurazione dei progressi:

Utilizza un foglio di calcolo per tenere traccia delle tue statistiche, compresa la data di inizio del monitoraggio e il numero di iscritti, seguaci, ecc. Per tracciare e riportare il modo in cui i volontari arrivano al tuo sito web attraverso i social media, Google Analytics è uno strumento fantastico (e gratuito) (ad esempio, attraverso Facebook, la ricerca su Google).

Scegli il canale giusto

Social media is abundant. How do NGOs choose? Some NGOs lack the time and funding to manage many social media platforms. Start by focusing on 1-2 channels. If you're doing well, expand! Organizations sometimes share the same content on various platforms to reach more people. This is an intelligent approach to managing many social media accounts. Your company's best channel? Social media tips to consider:

  1. Considera le sedi di volontariato: Potrebbe essere necessaria una ricerca. I dati demografici possono aiutarti a individuare i tuoi fan e il tuo potenziale. L'età tende a influenzare (ma non sempre) il luogo in cui le persone trascorrono il tempo online. Di seguito elenchiamo le 5 principali piattaforme no-profit e la loro popolarità in base ai dati demografici.
  2. I tuoi finanziatori: Chiedi ai tuoi fan come possono raggiungerti. Crea un sondaggio per i volontari per raccogliere dati sui social media.
  3. Ricerca: Chi usa cosa? Quali sono i loro contenuti? Quali sono i post e le conversazioni più popolari?

Quali sono i canali di social media che le organizzazioni non profit tendono a preferire? Ecco i 5 principali, secondo questo studio: 

  1. Facebook 
  2. Twitter 
  3. LinkedIn 
  4. YouTube 
  5. Instagram

Spero che tu abbia fatto chiarezza! Leggi anche il nostro blog su Scopri cosa sono i Twitter Engagement per saperne di più sui social media!

I nostri servizi ti aiuteranno a espandere la tua azienda, a pubblicare sui social media a livello globale e a ottenere una maggiore consapevolezza. Galaxy Marketing ti permette di aumentare il numero di like di Instagram sul tuo feed. Visita il nostro sito per acquistare subito il servizio INSTAGRAM LIKES.

FAQ