Cosa aspettarsi da Facebook nel 2022
Cosa aspettarsi da Facebook nel 2022 2

Non si può sfuggire al fatto che il 2022 potrebbe essere l’anno peggiore di Facebook fino ad oggi.

Dopo una serie di violazioni della privacy e violazioni dei dati, Facebook non solo ha un problema di fiducia ma è anche coinvolto in quattro indagini antitrust separate. Persino i candidati alla presidenza degli Stati Uniti hanno parlato di sciogliere l’azienda. Dato che solo pochi anni fa era uno dei più grandi innovatori della Silicon Valley, si può dire che Facebook è caduto in disgrazia e potrebbe non essere più recuperato.

Ora possiamo fare delle ipotesi su cosa c’è in serbo per Facebook, basandoci su tutto quello che è successo di recente. Attenzione spoiler: non pensiamo che presto tutti i suoi problemi spariranno. Questo non vuol dire che Facebook abbia intenzione di abbassare la cresta nel prossimo anno. In alternativa, i rapporti suggeriscono che ci sono molti progetti in cantiere. Ecco cosa c’è di buono e di cattivo in arrivo da Facebook nel 2022.

Messaggio unificato

Iniziamo con le tre app di Facebook che usi di più: Facebook ha annunciato all’inizio del 2021 che ha intenzione di integrare la messaggistica di Messenger, WhatsApp e Instagram. In pratica sta creando una singola piattaforma di messaggistica per tutti e tre. Mentre ogni servizio esisterà ancora come app indipendente, sarai in grado di inviare messaggi da Messenger agli utenti di WhatsApp che non hanno un account Facebook.

Ma questo sforzo potrebbe rendere difficile per le agenzie di regolamentazione statunitensi, come la US Federal Trade Commission, sciogliere l’azienda. La FTC potrebbe, quindi, cercare di impedire l’integrazione delle app, citando le preoccupazioni sulla concorrenza. Il WSJ sostiene che un’ingiunzione potrebbe arrivare entro gennaio 2022. Questo suggerisce anche che l’agenzia è interessata a intraprendere azioni antitrust aggressive contro Facebook.

Tieni presente che lo scorso luglio la FTC ha erogato la sua più grande multa di sempre come parte di un accordo da 5 miliardi di dollari con Facebook.

Facebook OS

Facebook starebbe sviluppando il proprio sistema operativo, per sostenere una spinta ancora più seria nell’hardware. Presumibilmente destinato a funzionare su dispositivi come i futuri prodotti di chat Portal video, l’intero sforzo sembra essere volto a ridurre la dipendenza di Facebook da Android di Google. Attualmente, tutti i dispositivi Portal di Facebook e anche i dispositivi Oculus VR di proprietà di Facebook usano Android per funzionare.

Secondo The Information, questo progetto è guidato da Mark Lucovsky, una vecchia conoscenza di Microsoft che ha sviluppato Windows NT. Sappiamo anche da altri rapporti – e ribadito da The Information – che Facebook sta lavorando contemporaneamente su chip personalizzati. Sommando il tutto, Facebook potrebbe sviluppare e persino lanciare nuovi dispositivi nel 2022 – con il suo sistema operativo e i suoi chip personalizzati.

Nuovi portali

Dato quello che abbiamo appena detto sul fatto che Facebook sta sviluppando il proprio sistema operativo e chip personalizzati per i dispositivi, non sarebbe fuori dal regno della possibilità di vedere nuovi dispositivi a marchio Portal nel 2022. Chissà se, in effetti, eseguiranno un sistema operativo diverso o useranno chip diversi, ma gli aggiornamenti annuali dell’hardware per i dispositivi Portal esistenti e forse anche nuovi fattori di forma Portal sembrano probabili.

Assistente vocale

Facebook potrebbe essere al lavoro sul proprio assistente vocale intelligente, per competere con Alexa di Amazon, Siri di Apple e Google Assistant. Per CNBC, l’assistente è stato sviluppato dalla stessa divisione che lavora su progetti a lungo termine, compresi i prodotti Oculus. Esattamente come verrà utilizzato questo assistente non è ancora stato rivelato. Presumibilmente, verrà installato sui Portali e forse sulle cuffie Oculus.

Facebook offre già un’intelligenza artificiale basata sul testo in Messenger, chiamato M. Quindi, forse il suo nuovo assistente vocale arriverà nel 2022 come evoluzione di M?

Gioco su cloud

Facebook potrebbe entrare nel sempre più affollato mercato del cloud gaming, dopo aver recentemente confermato l’acquisto del servizio spagnolo PlayGiga. L’acquisizione è stata annunciata dalla divisione giochi di Facebook ed è suggestiva del desiderio dell’enorme social network di aumentare la sua presenza nei giochi. Facebook stesso non sta ancora commentando cosa farà PlayGiga per lui, ovviamente.

L’annuncio di PlayGiga contiene però un indizio. Il suo sito web dice che continuerà a “lavorare nel cloud gaming, ora con una nuova missione”. Questo, ovviamente, indica che lavorerà sul cloud gaming a Facebook. Questo significa che Facebook potrebbe sviluppare il proprio servizio di cloud gaming nel 2022?

E’ troppo presto per determinarlo, onestamente. Ma, se riuscisse ad offrire un’esperienza di gioco cloud stabile, offrirebbe una concorrenza ad artisti del calibro di Google Stadia e Project xCloud di Microsoft, entrambi i quali sono ancora nelle loro fasi iniziali.

Sonde antitrust

Dodici procuratori generali si sono recentemente uniti ad un’indagine antitrust su Facebook. L’ufficio del procuratore generale di New York sta guidando l’indagine multi-stato, che ha aperto per la prima volta alla fine del 2021. Tra gli stati che mancano dalla lista c’è la California, dove ha sede Facebook.

Facebook sta anche affrontando indagini antitrust a livello federale. Il Dipartimento di Giustizia e la Federal Trade Commission stanno entrambi indagando sull’azienda. La FTC è specificamente indagando le acquisizioni di Facebook di Instagram e WhatsApp per possibili violazioni.

Sospettiamo che i principali sviluppi di queste indagini si verificheranno nel 2022.

Facebook Libra

Sembra che la criptovaluta Libra di Facebook sarà morta all’arrivo.

Visa, Mastercard, eBay, Stripe, PayPal e Mercado Pago hanno recentemente annunciato che lasceranno l’associazione Libra, la prossima criptovaluta globale distribuita di Facebook. Questo significa che Libra non avrà alcun processore di pagamento principale negli Stati Uniti. Le loro partenze, apparentemente tempestive, sono avvenute prima del primo incontro del Consiglio di Libra. Sembra quindi che il progetto abbia molti ostacoli davanti a sé, anche al di là delle critiche che ha affrontato finora.

Detto questo, il capo della politica dell’associazione Libra, Dante Disparte, ha già detto che il team di Libra è concentrato sull’andare avanti e “continuare a costruire una forte associazione” con le principali imprese e organizzazioni del mondo. Aspettatevi di sentire di più su questo sforzo nei prossimi mesi.

Incidenti di sicurezza

Facebook ha avuto diversi incidenti di sicurezza negli ultimi anni, danneggiando gravemente la fiducia dei consumatori nell’azienda.

Solo lo scorso ottobre, per esempio, ha scoperto che degli hacker avevano sfruttato una vulnerabilità nel suo codice. Gli aggressori sono stati in grado di accedere ai dettagli di 14 milioni di profili utente, compresi i loro nomi utente, relazioni, religione, città natale, città attuale, data di nascita, tipi di dispositivi utilizzati per accedere a Facebook, gli ultimi 10 posti in cui si sono registrati o sono stati taggati e le 15 ricerche più recenti.

Sulla base della scala e della frequenza di questi tipi di incidenti di sicurezza, non c’è ragione di credere che Facebook ne sarà immune nel 2022.

Consigliato